Si tratta della ISO TS 16949, una certificazione della qualità dedicata specificamente al mondo dell’automotive che prevede norme molto rigorose

Con questo ultimo traguardo Intals, l’azienda con stabilimento a Parona che si occupa di recupero e riciclo dell’alluminio, completa un percorso molto importante iniziato anni fa con il conseguimento delle certificazioni relative alla qualità, alla sicurezza e all’ambiente. Un percorso che ha l’obiettivo della massima trasparenza della propria attività rispetto a tutti coloro con cui l’azienda intrattiene dei rapporti, non solo clienti, dipendenti e fornitori, ma anche le istituzioni pubbliche e i cittadini del territorio in cui opera. Queste certificazioni riguardano una serie di norme, molto più rigorose e restrittive di quanto previsto dalle leggi, che un’azienda decide volontariamente di seguire, sottoponendosi a sistematici controlli e monitoraggi che appunto garantiscono il rispetto di tali regole, qualificando l’azienda in modo assolutamente virtuoso.

Questa ultima certificazione conseguita da Intals riguarda la qualità nel settore automobilistico, a cui appartengono molti dei suoi clienti, e prevede norme più impegnative rispetto alla generica certificazione della qualità ISO 9001, che era stata già ottenuta diversi anni fa. In particolare questa certificazione ISO TS 16949 è basata sulla completa soddisfazione del cliente, che come riportato nel documento programmatico di politica aziendale di Intals viene inteso non solo in senso stretto come colui che ne acquista i prodotti, ma secondo la più ampia accezione del termine inglese di stakeholder, cioè chiunque abbia degli interessi rispetto all’azienda, non necessariamente economici ma anche sociali e ambientali: quindi anche chi lavora per e con l’azienda, chi abita nel suo territorio, chi in qualunque modo ha o può avere una relazione con essa. In questo senso la certificazione va a toccare il concetto fondamentale della responsabilità sociale di un’azienda, che in quanto entità operante in un determinato territorio interagisce con gli altri soggetti, dai privati cittadini alle istituzioni pubbliche e private.

Ma cosa significa concretamente dichiarare la propria vocazione per la qualità? Il principio fondamentale è quello di avere come obiettivo l’eccellenza, sia nei prodotti che nei processi, che non è mai un traguardo raggiunto una volta per tutte, ma una tensione verso il miglioramento continuo, nella consapevolezza che la perfezione è per sua stessa natura un percorso piuttosto che una meta definitiva. Applicare questo concetto alle attività dell’azienda significa per esempio ottimizzare l’utilizzo delle risorse e le prestazioni energetiche, con innegabili vantaggi anche per l’ambiente in cui Intals opera. Questa idea di qualità sposta l’attenzione dalla gestione dei problemi alla loro prevenzione, per cui attraverso il continuo controllo e monitoraggio di ogni processo aziendale si riescono a identificare situazioni potenzialmente pericolose o comunque problematiche prima che queste si concretizzino come emergenze, evitando così incidenti, guasti, sprechi, difetti, perdite, ecc. Una delle leve fondamentali a disposizione per realizzare questa vocazione alla qualità è il patrimonio umano dell’azienda, per cui la formazione e la motivazione del personale diventano centrali nell’organizzazione interna, e Intals da sempre ha creduto e investito in questa risorsa, valorizzando al massimo la partecipazione propositiva a tutte le attività da parte di chi lavora al suo interno.

Ottenere questa certificazione è stato per Intals un traguardo molto importante, che sottolinea ancora una volta quanto la qualità sia uno dei suoi valori fondamentali. Ma essere certificati significa molto di più, rappresenta un impegno concreto e dichiarato per il futuro, nella massima trasparenza rispetto a tutti coloro che vivono anche all’esterno della propria struttura. In questo modo Intals ha ribadito di avere quella caratteristica tipica delle aziende eccellenti che è il profondo senso di responsabilità sociale e ambientale nei confronti del territorio in cui opera.

 

Visualizza pdf >>